Nuovi Tessuti e Consigli per il Lavaggio

Tipologie di Tovaglia

La tradizione vuole la tovaglia prodotta in tessuti di lino o cotone, particolarmente assorbenti e leggeri che d'altro canto però necessitano di particolari cure, dovendo queste essere assiduamente lavate e stirate.

Con il tempo sono state ideate e successivamente prodotte tovaglie in nuovi materiali, la cui parola d'ordine è comodità, tali tovaglie infatti hanno progressivamente ridotto i possibili disagi causati dai modelli tradizionali, dando vita a valide alternative, diventate forti concorrenti della tradizione.

I nuovi materiali proposti sono: tecnofibre, che unite insieme alle fibre naturali, danno vita ad una tovaglia che non si stropiccia e che non deve essere stirata, carta, con modelli usa e getta, per favorire il ricambio e dunque l'igiene soprattutto nell'ambito della ristorazione, materie plastiche, che rendono il tessuto impermeabile e dunque pulibile manualmente.

Le uniche dunque lavabili in lavatrice saranno e tovaglie in cotone, in lino e in tecnofibre, ecco allora alcune utili istruzioni per il lavaggio della tipologia più delicata, quella di lino:

Lavare ad una temperatura massima di 45° C senza usare detersivi aggressivi, non usare candeggina se la tovaglia è colorata, stirare non superando i 200°C e se sono presenti ricami avere cura di stirarli a rovescio in modo da non rovinarli.